19 giugno 2011

Datti all'ippica

Sarracinu Sarracì.
(carezza pesante che scorre lungo il muso fino alle narici)

Comm' è ca te chiammavano ll'Americani, quanno venivano a jucà 'e ccorse a Agnano?
E chi se ricorda cchiù, Sarracinu mio...
(sbuffo di cavallo dalle narici)

Nè io e nè tu ce ammeritammo sta munnezza.
Sti corse pe 'e vvie tutte scassate, all'ultima ora 'a sera, int'a l'ummido, cu macchine e motorini pe fa' a luce.

Io e te ce ne jamm a ccà, sta tranquillo.
Damme sulo o tiemp 'e apparà 'e riebit.
Famme fa na cosa 'e sord e ce ne jamm.
Basta cu 'e cravattari, basta cu sta ggente e' miez a' via, basta cu nandrolone e cocaina.

Turnamm a Agnano e all'Americani 'e facimm ascì ll'uocchie a fore.

Aivori.
Accussì te chiammavano - te arricuorde, Sarracì ?
Aivori, aivori...

(colpo di pistola e tonfo sordo nella stalla)
(colpo di pistola e tonfo più lieve)