9 agosto 2012

Elogio della Sconfitta

Elogio della Sconfitta che scarica la Campionessa dalla pressione e la riporta al livello degli altri esseri umani.
Elogio della Sconfitta che riaccende la fame di vittoria nel Fenomeno e intanto premia lo sforzo e la tenacia degli inseguitori.
Elogio della Sconfitta per manifesta inferiorità, che almeno traccia in maniera chiara la strada verso il miglioramento.
Elogio perfino della Sconfitta più amara, quella di un'inezia, che però è evidenza del fatto che si sono raggiunti livelli di eccellenza.

Alex, invece, della Sconfitta ha Terrore.
La fugge, non la prende in considerazione, teme quasi che quella, insieme all'oro olimpico, gli possa scippare una fetta della sua stessa persona.
Lui che le strade del mondo le ha percorse tutte, si lascia tentare e sceglie quella sbagliata.

Non ne uscirai così, Alex.
Ritirarsi non risolve il problema, anzi finisce per innescare il vortice in cui stanno già danzando la Depressione e la Solitudine.
Questa è una storia che purtroppo già conosciamo.

Ti auguro la Sconfitta, Alex.
Ti auguro la forza di andare a stanarLa, la voglia di allenarsi per evitarLa, la serenità di chi sa di aver dato fondo alle proprie energie.
Ti auguro la voglia di continuare a qualsiasi livello per il solo gusto di misurarti con te stesso, senza ricorrere a nessun trucco, stavolta.

Iniziare sarà sicuramente la parte più difficile; poi basterà solo mettere un piede in fila all'altro.
E tu, in questo, sei il migliore al Mondo.