23 giugno 2013

'America


Malta e calce io, io Rumeno.

Io toglie pavimento, butta cesso vecchio, abbatte muro che non serve.
Io porta mattoni, impasta cemento, pittura parete.
Io butta cose vecchie e da cose nuove.
Io "fraveca e sfraveca", come dice Masto.

Io dorme in casa che costruisce, così nessuno ruba ponteggi e attrezzi.
Se viene vigili io no muratore, io no conosce Masto, io zingaro.

Quando finisce lavoro io senzatetto.
Se finito prima di consegna, Masto da piccolo premio.
Se finito dopo, quando è giorno di consegna Masto mi caccia dalla casa e io dorme per strada, e ogni giorno torna alla casa per finire lavoro.

Stasera 21 giugno, quattro giorni a consegna.
Oggi inizio estate, ma vento fresco.
Io non può dormire in casa perché montato nuovo pavimento, allora io stende mia coperta su giardino davanti cucina e dorme all'aperto.

Masto canta sempre canzone che imparato pure io, e io canta quella stasera.

"E pe mme resta 'o cielo 'e notte
cu nu fico mman s'aspettava o'sole,
E pe mme resta sulo 'addore,
Terra c'ammesca a vita e se ne va.

Io nun voglio ì 'a America..."